#MadeInItaly

Postato il

Made in Italy

Made in Italy. Il marchio, il brand! Il nostro orgoglio, la nostra forza, la nostra salvezza! Valorizziamolo, esportiamolo! E, poi, tuteliamolo, certifichiamolo, etichettiamolo!

E, così, tra proclami, obblighi e sanzioni, del made in italy rimane solo il marchio, il brand. E ci si dimentica che tra le postille e le diciture a norma di legge, ci siamo noi. Ci sono io. E allora, mi fermo, chiudo gli occhi e, per non dimenticare, per non dimenticarmi, ricordo.

Ricordo il profumo di alloro che, nel sugo, fa la differenza. Ricordo la distesa di polpettine per il brodo, sulla spianata nella cucina di mia nonna. Piccole, tante, tutte uguali.

Ricordo i racconti su mio nonno. Che la terra la arava e la rimestava di continuo. Per farla respirare. Che la terra respira, è viva! E quello che le fai, poi raccogli. 

Ricordo il comò all'ingresso. Quello della bisnonna. Quello che, da bambina, dovevo spolverare. E, passandoci lo straccio, mi piaceva sentire, sotto i palmi, gli intarsi fatti a mano, sui suoi cassetti.

Ricordo la mia tuta verde. Quella con le tasche a forma di cuore. Ce l'aveva cucite mia mamma. Che, così, era più bella.

Ricordo il centrino a punto a croce sulla credenza in sala. Quello con i fiori arancioni. E quel fiore, quello in basso a sinistra, l'ho fatto io!

Ricordo e il made in Italy profuma, respira. Si lascia creare, curare, accarezzare, ammirare, gustare. E ricordandolo, il marchio, il brand si riempie di senso. Si riempie di me. Si riempie di noi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *