Daria Palotti

Postato il

Mani D'Aria a lavoro

   Daria Palotti

Pagina Facebook: Daria Palotti

Pinterest: Daria Palotti

Niente succede in un giorno. 

Daria si rifugia dietro la sua postazione. Il grande tavolo di legno, pieno di tubi, colori e pennelli. Al centro, svetta lei, la creatura a cui sta lavorando. È la sirena in terracotta. La riconosco. Dalla manina. Quella che, pochi giorni prima, Daria ha pubblicato su Facebook. «Non so perché, ma ‘la manina’ ha riscosso un sacco di successo», dice Daria. È basita e divertita, al tempo stesso. Io, intanto, mi sono persa. Tra le dita di quel dettaglio, così potente. Ci sento la cura, la dedizione, la forza creatrice di altre dita. Quelle di Daria. «Guarda», mi dice lei. Sollevo lo sguardo, dalla manina e mi lascio guidare, verso altri dettagli. Gli occhi. «Ci ho spennellato della colla vinilica. Sai, per fare l’effetto lucido. Che così, sembrano vivi». Li guardo quegli occhi. Mi guardano, anche loro.

Continua a leggere »


Sandra di ‘Charlot Non Solo Merceria’

Postato il

merceria cucito creativo patchwork artigianato pisa toscana

 Charlot Non Solo Mercheria

Via C. Fedeli, 7, Pisa

Blog: Charlot non solo merceria

Facebook: Pagina Charlot non solo merceria

Quando passo il filo nella cruna dell’ago, è un momento magico. 

Sandra è una donna accesa. Me ne accorgo subito. Dal sorriso. Che Sandra sorride come la bimba che ancora vive in lei. Quella bimba che, a 8 anni, stressava la madre, perché comprasse una merceria. La stessa che, a 28, la merceria l’ha comprata da sé. Quella bimba che poi, a  52, ha realizzato il sogno di sempre. Una merceria non solo merceria.

Continua a leggere »


Erika di Cuoche in vacanza

Postato il

Le mani di Erika a lavoro

Cuoche in vacanza

sito: Cuoche in vacanza

blog: Cooking classes in Tuscany

info: info@cuocheinvacanza.it

Non sono sfide. Sono proprio botte di vita!

L’avventura. Erika la chiama così, la storia di Cuoche in Vacanza, sul suo blog. Quando le chiedo di raccontarmela, Erika sospira, sorride, alza lo sguardo e allarga le mani. Per le avventure, le parole non bastano. Ma, alla fine, arrivano anche loro. E arrivano col botto: «l’avventura è stata la rinascita». E al suono di questa parola, ‘Rinascita’, tra le più femminesi che conosca, vibro, intimamente. ‘RINASCITA’, mi affretto a scrivere sul quaderno, a sorrisi cubitali. Che noi femmine, rinasciamo spesso. E rinasciamo, sempre insieme ad un’altra. «Per ricominciare, hai bisogno, sai, di quella complicità che c’è tra donne» mi conferma Erika. Che anche lei è rinata, insieme ad un’altra. È rinata insieme a Lella.

Continua a leggere »


Silvana di ‘Le borse d Silvana’

Postato il

mani di silvana a lavoro

Le Borse di Silvana

Per vederle: www-macsi.blogspot..it

Per acquistarle: silvanalib@gmail.com

‘Hai davanti a te un contenitore di sogni’

«Ho iniziato a fare borse solo da un anno», mi rivela Silvana. «Solo da un anno?!», esclamo io che l’ho ascoltato il fiero silenzio delle sue borse. E dice tutt’altro. Dice di mani esperte. Esperte di quell’esperienza intensa, totale.

Ed è così, in effetti. Lo scopro dopo. Dalla voce argentina di Silvana. Che le borse le fa solo da un anno, ma è da una vita che fa tutto. GraficagioielliquadriMarmellate, addirittura. E poi, fiere, mercatini, mostre. A Torino. La sua Torino. E a New York. E a Parigi. Ora, anche in Toscana.  «Io sono una che non si ferma». Silvana chiosa, così, il racconto del suo percorso. Con sguardo fiero, come le sue borse. E dopo una pausa, di quelle pause che preludono a tanto, Silvana si accende in un sorriso. Vispo, vitale. E aggiunge: «Stellina, guardami: hai davanti a te un contenitore di sogni». A queste parole, mi accendo. Anch’io, in un sorriso. Affascinato, ammirato. Silvana viene al mondo insieme ai suoi sogni.

Continua a leggere »


Grazia di Fiori di Mamussi

Postato il

fiorista pisa toscana

Fiori di Mamussi

Via Vittorio Veneto-Pisa

‘Oggi non è uguale a ieri e domani non è uguali a oggi’

«Io non ho fatto corsi da fiorista, sono autodidatta». Esordisce, così, Grazia. Fiera dei suoi non-titoli. E fiera del suo percorso. Che nel 2010 Fiori di Mamussi ha compiuto dieci anni e Grazia quella data l’ha fatta dipingere sul muro. In numeri romani. ‘Mamussi MMX’. Scritta bella, preziosa. Più di ogni attestato. Ma ancor più bello e prezioso è il modo in cui Grazia vive il suo percorso. «È tutto un progredire» mi rivela, «oggi non è uguale a ieri e domani non è uguali a oggi». Perché Grazia vive il momento «lo devo proprio toccare con mano» mi dice. Sorrido, ammirata. Ammirata dalla sua capacità di vivere il proprio tempo. Che è tempo femminile. Non logico e nemmeno lineare. Ma fluido, come lo scorrere dei momenti propizi. Continua a leggere »


Vanessa di Cose Vane

Postato il

Cose vane bigiotteria artigianale Pisa

Cose Vane 

Via Carducci, 65-Pisa

Sitowww.cosevane.it

Pagina Facebook:  Cose Vane Shop

‘Ne hai fatte di cose, Vanessa!’

«Tutto è iniziato per gioco», scrive Vanessa sul suo sito. E passandosi, tra le mani, una lunga collana di resina nera, mi racconta: «Da ragazza ho conosciuto un’anziana signora. Faceva bigiotteria artigianale. Un pomeriggio mi invitò a casa sua. ‘Vieni, ti mostro cosa faccio’, mi disse. Quel pomeriggio, mi insegnò a lavorare  il filo metallico con le mani».

Vanessa il filo ha continuato a lavorarlo. Sempre con le mani che sono, tutt’ora il suo attrezzo preferito. «All’inizio ci facevo i ragnetti. Sai da ragazza ho avuto il mio periodo darkettone». Sorrido: chi non ha avuto il suo periodo da ragazza. «I ragnetti li vendevo alle fiere, ai mercatini. Insieme ai nidi». I nidi? Sono curiosa, le chiedo di spiegarmi. «Prendevo tanti fili di metallo e ci infilavo perline, pietre, tutto quello che trovavo in casa. Quei fili poi li aggrovigliavo e ci facevo dei nidi, appunto. E con i nidi ci facevo collane, bracciali e anelli. Aspetta, ti faccio vedere». Vanessa va sul retro del negozio e mi mostra i suoi nidi. Due collane, colorate, importanti. Che bello le conserva ancora. E mentre guardo le collane-nido, vedo Vanessa. Vedo Vanessa ragazza, nel suo periodo darkettone, mentre piega, infila, aggroviglia.

Continua a leggere »


Mani di valore-artigiane toscane si raccontano

Postato il

quadri arte vermeer

Donne che il valore lo creano con le proprie mani. Artigiane.

Donne che quando cammino, mi devo fermare. Per osservarle. Mentre cuciono, assemblano, incidono, impastano. Creano.

Donne che ho sentito raccontare da altri, altre. E che ‘come mi piacerebbe conoscerle’.

Donne del luogo. Quello dove sono diventata adulta. La Toscana.

Donne che ho scelto di incontrare per conoscerne il percorso. Deviazioni comprese. Per conoscere da chi hanno imparato cosa. Per conoscere quello che sentono, quello che sognano. E poi raccontare. Raccontare tutto e chiamare per nome, il valore delle loro mani: valore femminile.